Soddisfatto della tua condizione lavorativa ed economica?

Allora NON leggere questo post!

Se pensi di essere già pienamente soddisfatto della tua vita dal punto di vista personale e professionale, allora ti consiglio di saltare questo articolo perché correresti il rischio di star male.

Sappiamo tutti che nella realtà le cose non sono soltanto bianche o nere ma in alcuni casi bisogna abbandonare le sfumature e prendere la decisione di schierarsi in maniera netta da una parte o dall’altra.

In queste righe voglio rivolgermi esclusivamente a quelli che – come è capitato a me qualche anno fa – si sentono oppressi dalla loro quotidianità e hanno voglia di rompere le catene della monotonia che, offrendo una valida soluzione per stravolgere le cose in meglio e cambiare vita.

Ti rifaccio la domanda un’ultima volta per essere davvero certo:

  • Sei realmente soddisfatto del tuo lavoro? Si o No?
  • Sei soddisfatto della tua vita? Si o No?
  • Ti senti in pace con te stesso quando vai a letto la sera? Si o No?

Sono domande da “dentro o fuori”, non è previsto il pareggio.

Dai, prova a risponderti sinceramente: SI o NO?

Se hai risposto SI ripeto, non so neanche perché stai ancora leggendo ma ti scongiuro, fermati qui prima che tu ci possa ripensare e poi stare male.

Se la risposta è NO, allora devi prendere atto che è arrivato il tuo momento di passare all’azione. 

È l’unico modo perché quel sentimento di insoddisfazione di fondo possa essere cancellato dalla tua testa per sempre.

Credimi non c’è un’altra soluzione, non esistono scorciatoie né formule magiche per questo.

La cosa più bella è che la risposta vera la conosci soltanto tu, ascolta il tuo cuore, guarda dentro di te e metti a fuoco cos’è che conta veramente nella tua vita.

Solo così potrai sapere se sei realmente pronto a fare il passo verso una nuova avventura e iniziarla con il piede giusto.

Vuoi avere ragione o essere felice?

Essere felici non significa avere certezze, sono due cose separate.

Sia chiaro che non tutti quelli che sono insoddisfatti e cambiano vita, stanno scappando da un lavoro oggettivamente brutto.

Conosco ragazzi che si sono licenziati da posizioni indeterminate invidiabili, con benefit importanti, solo perché non era quello che volevano fare nella vita e hanno accettato di mollare tutto pur di dedicarsi al proprio sogno ed essere finalmente “felici”.

L’auto-realizzazione, inutile dirlo, deriva dall’essere soddisfatto di ciò che fai ogni giorno.

La chiave per sentirti realizzato quindi è dedicare le tue energie a qualcosa che ti piace davvero, perché solo in quel caso che lo farai al meglio delle tue possibilità.

Sto toccando un nervo scoperto?

Non voglio rigirare il dito nella piaga ancora a lungo ma se al momento sei confuso sul da farsi, le mie parole potrebbero darti lo stimolo giusto per prendere iniziativa.

Il mio intento è solo aiutarti a riordinare il caos che hai in testa, chiarendo per prima cosa un punto:

Tutti sogniamo in grande…

…ma non tutti siamo nati per fare gli imprenditori.

Chi non vorrebbe essere il “boss” a capo di una impresa di successo? Io dico tutti.

Nei fatti però quanti sono disposti ad affrontare tutte le responsabilità che ne derivano?

In un altro articolo ti parlerò della differenza tra “processo” e “evento” ma ora non perdiamo il focus sul discorso principale di questo discorso.

A dispetto di cosa le persone sognano, nella realtà il mondo si divide in due fazioni.

Una grossa maggioranza – diciamo l’80% – è rappresentata da coloro che scelgono di restare nella “comfort-zone” del dipendente e sacrificare i proprio sogni.

Nell’altro 20% restano i pochi i pazzi che hanno una fiamma dentro che brucia a tal punto da spingerli a mollare tutto e affrontare qualsiasi sfida pur di inseguire ‘il’ sogno.

Ora voglio capire in che squadra ti devo mettere…

Sei qui solo per curiosità, magari mentre sei sul posto di lavoro invece di fare altro, e questo articolo ti serve solo per sognare un po’ prima di rimetterti a lavorare per il tuo amato capo?

Oppure sei uno degli ultimi temerari che è disposto a rimettersi in gioco, a prescindere dalla tua età e dalla tua occupazione attuale?

Probabilmente se ti piace il rugby sei uno spirito libero, sei un lottatore che ama la fatica, apprezza le cose guadagnate con sangue e sudore come una sporca meta e se sei arrivato a leggere fin qui è perché ho centrato il punto e sai dentro di te che c’è qualcosa che non va.

Magari ti stai iniziando a guardare attorno per capire come puoi evadere dalla tua routine, cosa puoi fare sentirti finalmente realizzato e magari ti piacerebbe fare tutto ciò mettendo a frutto la tua passione per il nostro amato sport ovale.

Se ti rivedi in questa descrizione, allora ti dico con piacere che potresti essere davvero nel posto giusto e che Rugbytots può essere la soluzione perfetta per convogliare tutte queste emozioni, tutta questa voglia di rivalsa ed uscire dalle sabbie mobili in cui sei intrappolato. Attenzione però.

Puoi accedere a questa opportunità solo se dimostrerai di avere i requisiti giusti.

Il progetto è sviluppato e diffuso in franchising, questo significa che cediamo la licenza a persone ma se – e soltanto se – queste superano i nostri criteri di valutazione personale e morale.

Requisito fondamentale è che – se vuoi candidarti per ottenere una licenza Rugbytots – devi condividere al 100% i nostri ideali perché prima del business e di qualsiasi tornaconto economico, quello che conta per me è restare coerente alla mia mission ed ai valori che mi hanno portato ad iniziare questo cammino quasi 10 anni fa.

Rugbytots rappresenta il mio sogno divenuto realtà

Ho mollato tutto e sono andato contro il parere di tutti quelli che mi dicevano che ero pazzo e che non avrebbe mai funzionato.

Inoltre è un’attività di grande utilità sociale rivolta ai bambini piccolissimi.

Proprio per questo, sento una grande responsabilità ogni volta che devo decidere se proseguire con un nuovo affiliato perché sto mettendo letteralmente la mia reputazione nelle sue mani.

Chiarito ciò, se arriverai a conoscere i dettagli per come entrare anche tu nella nostra realtà, ti renderai conto che Rugbytots è una grande opportunità, se dentro di te senti la voglia di realizzare qualcosa di tuo, dove sei il capo di te stesso.

L’unica cosa da fare per proseguire e avere tutte le informazioni e i dettagli sulla proposta di affiliazione e scoprire come aprire il tuo centro anche se parti da zero è cliccare QUI e lasciare i tuoi dati.

Oggi può essere il primo giorno della tua nuova vita

Pre do in prestito un’immagine molto forte di Abbie Hoffman che mi ha sempre affascinato, solo per dirti che la tua nuova vita può prendere una direzione nuova unicamente dal fatto che tu faccia “click” sul link in fondo a questa pagina.

Poesia a parte, ti riporto coi piedi per terra avvisandoti che le licenze disponibili per il 2019 NON sono illimitate e ne sono rimaste poche per un fatto molto semplice.

Per fare le cose per bene ed assicurarci alti standard qualitativi, ogni volta che una licenza viene affidata, il nuovo arrivato deve essere seguito lungo un iter di formazione ben definito per essere messo in condizione di imparare a gestire il proprio centro anche se non ha alcuna esperienza rilevante.

Parliamo di un business etico. Fondato su valori solidi.

Ma è pur sempre un business dove il tempismo è tutto, quindi il mio consiglio è di essere rapido a cogliere quest’occasione finché resterà aperta.

Clicca per candidarti ora ad aprire un centro Rugbytots